ott 142012

PhotobucketNuova intervista con un membro del cast di Breaking Dawn 2 realizzata dai fansites americani. Questa volta tocca ad Erik Odom, che interpreterà il nomade Peter.

Quando siete entrati al Comic-Con al panel di Breaking Dawn 2], avete avuto più urla di tutti i nuovi arrivati. Come ti senti?

Erik: E’ stato incredibile. L’unica cosa che posso dire rispetto alla premiere della prima parte è stata la 1 è stato quando ho camminato sul tappeto rosso. Ci si cerca di preparare più che puoi, sai che la risposta sarà grande, ma forse non lo sarà, si cerca di essere pronti a tutto … ma quando ti colpisce, le ginocchia tremano. Voglio dire le mie ginocchia hanno ceduto. E’ stata una cosa folle. Ma i fans sono sempre stati così entusiasti, così appassionati. E credo che parte di essi siano sempre stati una combinazione di persone che amano il personaggio di Peter ed essendo anche su Twitter e su Facebook ho fatto in modo che i fans mi potessero raggiungere, anche solo cercando di interagire il più possibile, non so se mi spiego. Perché i fans rendono il fandom di Twilight quello che realmente è.

La gente ama Peter, ma anche l’amore tra Peter e Charlotte. Il loro rapporto è davvero speciale, e speriamo di vedere qualcosa sullo schermo, e mi chiedevo quanto tempo prima hai incontrato Valorie [Curry], e come avete costruito il vostro rapporto.

Erik: Non la conoscevo personalmente in realtà, ma avevamo un sacco di amici in comune a Los Angeles, così grazie a Facebook, siamo stati in grado di collegarci subito dopo l’annuncio del cast, e così abbiamo cominciato a pranzare insieme ancora prima di iniziare le riprese, prima di partire. Così, siamo andati in un posto a Los Angeles, ci siamo seduti per circa due ore, e dopo i primi venti minuti di ‘Oh mio Dio, non posso credere di far parte di una cosa del genere, Oh mio Dio, non posso credere di fare parte di una cosa del genere’ Dopo venti minuti di continuo entusiasmo abbiamo cominciato a scavare nel rapporto Peter e Charlotte e il loro rapporto con gli altri vampiri. Sai, perché i clan sono una cosa molto interessante, chiamano i nomadi un clan, ma in realtà sono Peter e Charlotte contro il mondo. Sai, così abbiamo parlato di nuovo del nostro rapporto, anche di Maria [in Eclipse] e dell’esercito di neonato e il loro rapporto con Alice e Jasper, ed è stato molto bello perché siamo arrivati in Louisiana insieme, ed avevamo già piantato i semi del nostro rapporto. E’ stato davvero bello. Io amo Valorie.

Quanto del retroscena pensi ci sarà nella pellicola?

ott 062012

PhotobucketConsueto appuntamento settimanale con l’intervista che i fansites realizzano ad un membro del cast di Breaking Dawn 2. Oggi è il turno di Toni Trucks, che interpreta la vampira nomade Mary .BUONA LETTURA!

Non ci sono moltissime informazioni sul tuo personaggio nel libro, hai avuto quindi una conversazione con Stephenie Meyer o con Melissa Rosenberg, oppure l’hai costruito tutto da te?

Toni: Abbiamo dovuto costruire molto. Ho preso Stephenie da parte – credo che molti di noi l’abbiano fatto – e lei è stata, voglio dire è raro avere un contatto diretto con lo scrittore dei libri che era accanto a noi tutti i giorni, quindi è stato davvero un bel vantaggio. Ma ci ha dato molta libertà nel creare i nostri personaggi, con l’unica controindicazione che poi quello che avrebbe potuto essere scritto nella Ultimade Guide avrebbe potuto essere diverso. Lei ci ha preparato, ma ci ha lasciato molta iniziativa. Ci ha raccontato cosa aveva scritto, e poi ci ha lasciato liberi di fare qualsiasi cosa volessimo, e ricordo che quando abbiamo parlato lei ci ha portato l’esempio di Edi Gathegi, perché lei aveva scritto pagine e pagine della sua storia di background, e lui è rimasto molto sorpreso quando poi è uscita la Guida. E’ completamente diverso, ma sapete, bisogna assimilare da quello che si legge e poi creare la propria idea.

Cosa puoi dirci di Mary per descriverla?

Toni: La cosa che amo di più di Mary è il momento in cui si viene introdotti a tutti questi nuovi personaggi, e il fatto che la maggior parte di loro si presenta in coppia. Sapete, hanno i loro compagni. E anche se nella famiglia di nomadi ci sono Peter e Charlotte, il nostro non è un vero e proprio clan. Non viaggiamo insieme, siamo veramente nomadi. Amo che Mary…arrivi per conto suo, per sua volontà. Non ha una relazione stabile, e quando il suo lavoro qui finisce..sapete, non tornerà a casa per Natale. L’idea di famiglia come unità a lei è estranea. E’ davvero una nomade,una vagabonda. Non ha bisogno di dormire nello stesso letto ogni notte. Ma è una delle amiche più care, e si dimostra molto valida.

Mary è vicina a Randall – loro non arrivano insieme, ma si incontrano per strada – e siamo curiosi di sapere se si vedrà qualcosa di questo, oppure se si vedranno semplicemente arrivare insieme. Perché voi siete nomadi, quindi generalmente state ognuno per conto suo…

Toni: E’ complicato, vero? Perchè voi avete già letto i libri. Quindi, molto di quello sarà davvero interessante…quel genere di piccoli e meravigliosi dettagli con cui la gente è già in contatto grazie ai libri saranno presenti. Non posso rivelare molto, le mie domande sono le stesse che vi ponete anche voi, quindi credo che dovremo solo aspettare per scoprirlo!

Tu eri già una fan prima, giusto?

Toni: Sì lo ero. Non avevo letto i libri, quindi probabilmente voi non mi chiamereste nemmeno fan, ma avevo visto i film e li adoravo. Ero completamente…mi sentivo rapita dai film. Ci sono dentro, voglio esserne trasportata. Ho amato la saga fin dall’inizio.

Quindi, cos’hai pensato dopo aver visto i film, di te vestita da vampiro con le lenti a contatto….

Toni: E’ stato davvero, davvero, davvero selvaggio. Imparare tutti gli elementi intricati di Twilight è stato divertente. Sapete, come il nostro primo approccio con le lenti. Pensavo che ci sarebbe stato uno stock di lenti rosse e arancioni, o dorate, in base alla dieta, ma era invece molto più specifico e meraviglioso. Eravamo tutti diversi in base alle nostre caratteristiche, in base ai nostri occhi erano tutte dipinte a mano, quindi nessuna è uguale alle altre. Quindi dall’inizio ci siamo sentiti unici…questa è stata una delle prime cose che ho fatto, creando Mary da zero. Ed è veramente speciale. E poi la parrucca, che adesso rappresenta un tratto distintivo di Mary, lei è unica, con questi capelli enormi. E’ sfrenata in ogni senso, è semplicemente selvaggia. E adoro il fatto di essere stata in grado di poter creare una persona nuova, avere la mia possibilità di crearla. E’ stato davvero unico, e ci sono anche tutti questi vampiri che vengono da tutto il mondo…ci sono i rumeni…noi siamo nomadi Americani, quindi si parla del LORO modo di vivere, del loro modo di essere…è stato veramente divertente. E’ stato bellissimo vedere tutte quelle immagini, e sono veramente emozionata anche per tutte quelle che dovranno uscire.

Quando hai saputo di essere stata presa per la Twilight Saga, chi eri più emozionata all’idea di vedere….sappiamo che hai già lavorato con Michael Sheen…

Toni: Quando sono stata presa, Dio, credo di essermi sentita…..ero una fan in quel momento, quindi realizzi il fatto di lavorare con tutta questa gente, ed è emozionante. Ero veramente felice di lavorare con Bill Condon ancora. Avevamo lavorato insieme in Dreamgirls, quindi poter lavorare ancora con lui era davvero una grande emozione. Ci siamo sempre comportati come se ci fossimo visti ancora in futuro, e così è successo. E anche Jackson Rathbone. Io e lui abbiamo frequentato la stessa scuola d’arte, ma non ci siamo visti per un paio d’anni. Ci siamo sentiti, raccontandoci le nostre avventure lavorative, ed è stato bello poterci confrontare ancora. E poi tutti sanno la mia immensa ammirazione per Michael Sheen. E continuo ancora a desiderare di poter lavorare, stare vicino, divertirmi e ridere con lui. Lui è la chiave!

ott 022012

Photobucket

E’ giunto il momento dell’intervista settimanale dei fansites che questa volta hanno potuto parlare con il nomade Alistair Joe Anderson.

Ecco qui l’interessante intervista tradotta per voi:

Quanto ne sapevi su Twilight prima di fare l’audizione o prima di ottenere la parte?

Non vivevo su Marte, quindi ne sapevo molto. Amici di famiglia erano un po’ più giovani di me, delle ragazzine ed erano grandi fan quindi quando hanno scoperto che stavo per avere a che fare qualcosa con la saga, la mia credibilità è arrivata al soffitto.
Quindi c’è stata una riunione e ci siamo guardati i film assieme ed eravamo entusiasti. Ho visto tutti i film prima di iniziare a girare in Canada.

Significa che non avevi letto i libri?

No, non abbastanza, ho letto a spizzichi e bocconi. La cosa interessante di Alistair è il modo in cui è usato nel film, piuttosto diverso dal libro.
Per me è stato più prenderlo così piuttosto che un personaggio lontano e poi svilupparlo. Come outsider, sapete che non ho recitato nei film precedenti, così mi son tipo sentito di poter avere un po’ di spazio per giocare con questo ragazzo perché nessuno degli altri personaggi sapeva cosa aspettersi.
Quindi è stata una cosa piuttosto libera, abbastanza divertente per inventarsi qualcosa.

Lui (Alistair) è un solitario. Eccezion fatta per la sua storia con Carlisle, ti sei quasi chiesto perché ha deciso di venire ed unirsi ai Cullen. Se ne va abbastanza presto. Hai un’idea o hai parlato con Stephenie su quali fossero le sue motivazioni?

Sì. E’ una domanda molto interessante. Penso, ovviamente senza rivelare troppo, di potervi dare un’idea di cosa è giusto e sbagliato. Una delle cose che Alistair è che è un cacciatore, i suoi sensi sono piuttosto forti. Penso che la ragione di cosa faccia abbia più a che fare con la moralità del bene e del male, e penso che lui non si ritenga necessario perché qualsiasi cosa succederà, succederà.
Ma penso che si spiegherà da solo, senza rivelare nulla, sarà più chiaro nel film.

Nell’uscita delle immagini dei nuovi vampiri, alcuni di loro fanno abbastanza colpo, e devo dirti che quando ti si vede come Alistair nel trailer ho saltato ed ero tipo shockata perché non mi sarei mai aspettata che facessero vedere Alistair nel trailer. Com’è stato vederti nei panni del vampiro la prima volta che ti sei visto?

E’ davvero un punto divertente. Stavo girando in contemporanea un altro film quindi avevo fatto poche prove costume. Amo avere un’idea del costume e di quella roba molto presto così posso farmi un’idea della fisicità e com’è il personaggio.
Quindi per me quella parte è stata breve (dovuta alle altre riprese). Insomma, era il primo giorno sul set quando mi sono potuto calare interamente nei panni, con tanto di trucco e lenti a contatto. Così vedermi nel trailer mi ha dato un’idea ed ero entusiasta, sai ti vede tutto il mondo e capisci come sei in quel mondo e se funziona…
E’ stata una cosa interessante. Il tipo (Alistair), è lontano. E’ un outsider. Vorresti renderlo diverso, ma, naturalmente, lui deve affrontare certe regole che ci sono in queso mondo, quindi credo che funzioni. Lo spero.

Penso che sei apparso alla grande.

Ci sono stati dei momenti memorabili durante le riprese?

Sì, certamente. Per essere completamente onesti, vedere Bella allenarsi ed allenarsi dietro casa dei Cullen, è stato un giorno straordinario. Siamo stati lì intorno e abbiamo semplicemente guardato una piccola sequenza abbastanza straordinaria.

Ho fatto avanti indietro per un po’… e ogni volta era come entrare in un circo dove qualcosa di fantastico e straordinario sta accadendo, anche il fatto di avere così tanto cast – credo di non essere mai stato in una scena con così tanti attori, era così dinamico quando le famiglie erano tutte insieme nello stesso posto, è stato elettrizzante. Ogni giorno di lavoro è stato grandioso per me.

Com’è stata la tua esperienza al Comic Con. Com’è stato interagire con tutti quei fan di Twilight?

Mi ha davvero sorpreso, onestamente. E’ stato molto interessante. Ci sono fans che fanno altre cose per professione e ci sono fans che sono ovviamente fans e sono dentro l’ingranaggio. Ho incontrato così tanti fan che sono dentro la cosa che conoscere chi non è dentro e portarcele almeno per un momento, sai quanto può essere preoccupante farlo, perché quando conosci un attore, la magia può sparire, ma quando incontri queste persone non succede. Ecco dov’è la magia. E’ stato elettrizzante per tutto il tempo. E’ stato fantastico.

Sono un grande fan di Across the Universe e dei tuoi talenti musicali, e so che hai scritto una canzone con James Fogerty per un altro film. Ci sono un sacco di talenti musicali nel cast di Twilight e sono curiosa di sapere se potremmo avere un qualche tipo di musica per la colonna sonora o qualcosa del genere?

set 222012

PhotobucketFine settimana e tempo di interviste da parte dei fansites americani. Oggi è il turno del vampiro rumeno Guri Weinberg (Stefan) he molti di voi avranno anche avuto occasione di conoscere in occasione della Convention del Mese scorso a Bologna di cui era ospite.

Come al solito il nostro staff l’ha tradotta per voi, BUONA LETTURA!!!

Domanda: : Cosa hai pensato del tuo trucco e parrucco la prima volta che ti sei visto completamente pronto per interpretare il tuo personaggio?

Guri: Beh, mi è piaciuto molto. Voglio dire… era un po’ stravagante, ma mi è piaciuto molto. Era esattamente quello che Michael, che è il
capo costumista voleva quando ci siamo conosciuti. Gli occhi erano un po’ strani, perché non indosso le lenti a contatto di solito, così ci hanno messo mezz’ora per mettermele in e poi mi ci è voluta un’altra buona mezz’ora per vederci. Così, quando ho davvero capito come mi avevano sistemato, ero abbastanza soddisfatto.

Domanda: Non avevi mai indossato lenti a contatti prima di allora? Deve essere stata una situazione pazzesca.

Guri: Sì, è stato terribile. Ma perché avevamo un intero reparto di persone che prendevano le lenti a contatto e te le mettevano negli occhi. Le prime due settimane stavano diventando pazzi, perché ci hanno messo più di mezz’ora per mettermele e mi hanno detto “Non lo supereremo mai!” E io allora gli ho risposto “Beh dovreste essere me in questo momento!”

Domanda: Hai postato un sacco sul tuo blog su quello che è successo mentre lavoravi sul set con il cast e le tue esperienze
dal set.. Che tipo di interazione con i fans hai avuto da questo?

Guri: Che tipo di interazione?

Domanda: Sono solo curioso di sapere che tipo di interazione con i fans hai avuto in seguito. Un sacco di persone non
raccontano le loro storie sul set. Ci hai dato la possibilità di avere uno sguardo all’interno. Quindi ero solo curioso di sapere se hai avuto
qualche reazione dai fan per questo.

Guri: Di solito è sempre, “hey non ti voglio mancare di rispetto” , ma poi ti dicono tipo “FOT****” e questa non è una mancanza di rispetto???

Question: Sul tuo blog hai anche detto di avere un account Twitter, hai comprato il blog e
hai cominciato con tutti i social media dopo che sei stati scelto nel cast. Quindi pensi che i social media abbiano cambiato la recitazione in un senso a causa del modo in cui è possibile interagire con i fans?

Guri: Beh, non è cambiata la recitazione ma è più cambiato il modo in cui gli attori interagiscono con i fans. Sembra quasi come
un secondo lavoro per cui non vengo pagato. Ma è davvero bello, perché, scherzi a parte, si arriva a conoscere i propri fans, i fans conoscono te. Quello che mi è piaciuto di più è proprio il fatto che ho avuto modo di conoscere di più del mio personaggio, molto più di quello che potessi sapere solo leggendo il libro, da parte dei fans.

Domanda: Che tipo di cose hai imparato?

Guri: Ho imparato che nel suo passato ha perso la sua famiglia, e questo non c’è nel libro. Il che è interessante perché è stata una cosa che ho scoperto prima di sapere la maggior parte del resto delle informazioni sul mio personaggio. Come attore devi prendere un personaggio e costruire il suo passato, presente e come il suo passato lo abbia influenzato ad oggii. Come reagisce alle cose. Così è stato molto interessante ascoltare la prospettiva dei fans, sul mio personaggio. E sapendo quello che abbiamo fatto nel film mi fa ridere perché un sacco di cose sono giuste ed altre meno.

Domanda: Hai costruito il tuo personaggio prima con Noel Fisher oppure ci hai pensato da solo e poi gli hai detto tipo “Ehi questo è quello che ne è venuto fuori”?

Guri: Non voglio parlare per Noel, parlo per me ovviamente, in un primo momento ho fatto da solo. Io e Noel ci siamo incontrati
brevemente alle prove costume a Los Angeles, e poi nel mese di ottobre siamo dovuti andare a Baton Rogue per le prove camera, illuminazione, prove trucco, con Bill Condon e tutti gli altri. E così abbiamo avuto un incontro per quanto riguarda il nostro personaggio. Voleva sentire quali erano le nostre idee e voleva farci sapere quali erano le sue idee. E da quella riunione, in realtà tutti e tre abbiamo parlato di quello che volevamo. Alla fine siamo arrivati alla stessa conclusione.

Domanda: Abbiamo visto una still con voi seduti intorno ad un falò e sembra quasi che gli altri stiano guardando te e Noel (Vladimir), vedremo quindi qualche momento del vostro background? Magari è un momento in cui raccontate la vostra storia intorno al falò?

Guri: Non so quanto posso rivelare, sto solo cercando di dare un’ampia veduta a proposito del fatto che tutti noi abbiamo raccontato le nostre esperienze. Non riuscirete ad estorcermi niente.

Domanda: Quanto hai dato a Mackenzie per la faccenda del vaso delle parolacce? Hai iniziato tu con lei…quanto hai dovuto darle?

Guri: Beh sono stato abbastanza fortunato nel non aver guadagnato tanto quanto Rob e Kris, quindi lei non ha insistito troppo. Ma sono stato quello che le ha detto di fare questa cosa del vaso perché sapevo di non poterle essere troppo d’aiuto. Lei è un ninja, non la si sente arrivare. Quando si crede di avere solo adulti intorno lei compare e ti guarda con sguardo deluso.

Domanda: Quanto ha tirato su?

Guri: Non ne sono sicuro. Dovreste chiederlo a lei.

Domanda: Ce ne ricorderemo la prossima volta che la incontriamo.

Guri: Esatto

Domanda: Hai partecipato a qualche convention e poi al Comic Con con il gruppo dei nuovi vampiri. Com’è l’esperienza di avvicinarsi tanto ai fans? L’hai trovata travolgente?

Guri: Sì lo è. Io da solo non rappresento la saga, nessuno sa chi sono, non hanno ancora visto il film, ma la gente pensa di conoscerti perché sa quale personaggio interpreti. Sono molto calorosi e aperti. E’ abbastanza sconvolgente entrare lì, anche se a volte penso “Non avete ancora visto il film, datemi un secondo, potrei anche non piacervi”. Ma è stato grandioso, lo amo. Amo i fans. Credo che i fans di Twilight siano i più speciali che abbia mai incontrato.

Domanda: Oh, beh, grazie.

Guri: No, grazie a voi. Io non ho fatto niente, è tutto merito vostro..

Domanda: Credi che potresti mai passare un migliaio di anni con Noel Fisher come Vladimir e Stefan?

Guri: Non credo che riuscirei a passarceli nemmeno da solo, quindi no, la risposta è no.

Domanda: Come ti sei rapportato ad un personaggio che ha vissuto per circa 3000 anni? Ma non solo, tutti sono lì per difendere i Cullen e Renesmee, e tu invece sei un vampiro che cerca vendetta più di chiunque altro. Come si costruisce un personaggio così vecchio e mosso da un potente desiderio di vendetta?

Guri: E’ stato un viaggio molto interessante x me. Quando ho avuto la parte ho fatto qualche ricerca sul modo in cui i Rumeni vivevano 3000 anni fa e ho scoperto che i Romani erano al potere 3000 anni fa e chiunque li odiava perché erano viscidi. Quindi la mia idea è stata che quando Stefan era umano e quando ha combattuto i romani ha perso la famiglia, è morto ed è diventato vampiro. Questo è il motivo per cui poi i Rumeni sono diventati così potenti. Per lui era una dimostrazione di potere contro i romani, poi sono arrivati i Volturi, ed è stato ancora così. I Romani hanno distrutto tutto quello che aveva. Per lui è successo due volte. Tutti possono comprendere che quando ti viene portato via tutto è assolutamente istintivo essere arrabbiati e cercare vendetta. E’ una cosa che ti consuma.

Domanda: Hai avuto occasione di parlare con Stephenie Meyer della storia passata del suo personaggio?

Guri: Stephenie ed io non ne abbiamo mai parlato. Quando passavamo del tempo insieme, io e lei parlavamo di tutt’altro. La cosa bella di Stephenie è che si è fidata degli attori e di Bill Condon per quanto riguarda il nostro lavoro. E il nostro lavoro prevede che cerchiamo di costruire dei personaggi, capire quello che lei ha scritto e portarli in vita.

Traduzione a cura di Chiara e GaiaB86

Fonte: Twilightish

set 152012

Ed eccoci come ogni fine settimana con il consueto appuntamento con l’intervista che alcuni fansites americani hanno avuto la possibilità di fare con gli attori di Breaking Dawn 2. Oggi è il turno del vampiro romeno Noel Fisher.

Leggiamo insieme:

E’ stato un anno molto buono per te professionalmente, con l’interpretazione di un grande personaggio in Shameless, e poi il ruolo in Cotton Top. Cosa ti ha fatto scegliere uno scontroso vampiro di 3000 anni fa? Perché hai voluto quel ruolo?

In realtà avevo scelto Twilight prima di Shameless o Cotton Top, ma ovviamente il franchise di Twilight è in un mondo a sé, una classe a sé stante. E’ davvero molto diverso da qualsiasi altra cosa io abbia mai fatto. Ed è una cosa che cerco di fare con le mie forze, tipo selezionare delle parti che sono molto diverse le une dalle altre. Mi piacciono i vampiri, amo il fantasy / sci-fi, e tutto questo genere di cose, quindi è proprio il mio stile. Così ho pensato che mi sarebbe piaciuto interpretare un vampiro di 3000 anni. E’ fantastico!

Hai girato Cotton Top in Romania ed hai interpretato un vampiro romeno in Breaking Dawn. Hai sentito un legame speciale con quel paese quando sei stato lì per le riprese?

Non lo so, ho praticamente pensato che fosse una coincidenza davvero divertente che fossi lì a pochi mesi dopo che Twilight fosse finito. Ho pensato fosse molto divertente. Abbiamo girato nei pressi del castello reale di Vlad l’Impalatore, che ormai non è più un castello. E’ fondamentalmente un mucchio di macerie ora, ma alcuni degli austisti in Romania ci dicevano che a pochi chilometri da dove ci trovavamo c’era un cumulo di macerie che era in realtà una vecchia dimora di Vlad l’Impalatore. Così ho pensato fosse figo.

Ci puoi dire come è stato quando ti sei visto completamente vestito da vampiro con gli occhi rossi per la prima volta?

In una sola parola: FANTASTICO. Ho pensato che tutte le cose artistiche che abbiamo fatto con questo film, in termini di guardaroba e il trucco e parrucco, ho pensato fossero davvero di altissimo livello. C’è qualcosa di veramente speciale nell’assemblare tutti questi pezzi davvero particolari di abbigliamento ed avere quegli occhi speciali, anche se in realtà mi ha aiutato molto con quel tipo di atteggiamento regale che i rumeni dovrebbero avere.

Com’è stato entrare in un franchise già affermato? Ti sentivi come il nuovo arrivato?

In realtà l’ho trovato davvero accogliente. Penso che sia stato davvero meraviglioso perché c’era un gruppo molto grande di neofiti. In sostanza, una delle cose veramente belle sul set era che tutti i Cullen, e tutte le persone che hanno fatto parte della Saga per un lungo periodo, tutti, sono stati tutti molto accoglienti. C’era un’atmosfera molto calda sul set, almeno questa è stata la mia esperienza, per me è stata una favola.

Com’è stato filmare Breaking Dawn così vicino a casa, a Vancouver?

A dire il vero, Twilight è stato il primo lavoro che io abbia mai fatto a Vancouver da quando mi sono trasferito a Los Angeles, il che è davvero sorprendente. E’ stato davvero bello. L’hotel in cui abbiamo alloggiato era letteralmente a tre isolati di distanza dalla casa di mia sorella. E’ stato davvero meraviglioso poter tornare a casa e vedere mia sorella, vedere la mia famiglia, andare nei piccoli ristoranti e caffè dove andavo abitualmente. E’ stato davvero divertente.

Se potessi creare il tuo proprio fansite, su cosa sarebbe? Di cosa sei veramente appassionato?

Oh, cavolo, c’è un sacco di roba. Dipende da cosa sono attualmente ossessionato. Ad esempio in questo momento sono davvero ossessionato da una serie di Showtime che si intitola Homeland di cui sono totalmente innamorat. Game of Thrones, The Walking Dead. Tutto ciò che è fantasy mi piace. Breaking Bad non è esattamente fantasy, ma è un’ altra cosa che mi piace molto.

Potresti condividere con noi alcune delle battute, scherzi o esperienze con Guri [Weinberg] sul set?

La storia che mi viene sempre in mente, era quando stavo facendo una scena in cui dovevo – beh, non è tanto uno scherzo, perché non è stato fatto di proposito- ma c’era una scena in cui dovevo tipo accovacciarmi per un attimo ed era proprio alla fine della giornata, proprio l’ultimo ciak della giornata e stavamo cercando di terminare. Mi ricordo che chiamavano, “Rolling” e poi, “Azione!” Abbiamo iniziato, faccio un piegamento ed ho sentito questo enorme strappo. Mi sono praticamente strappato la parte posteriore dei pantaloni, erano completamente aperti, in modo che tutti potessero vedere la mia biancheria intima. Così sono dovuto andare dalla signora del guardaroba e lei mi ha letteralmente ricucito mentre avevo ancora addosso i pantaloni tra una ripresa e l’altra. Poi l’ho dovuta rifare e li ho rotti ancora. Ho dovuto correre indietro e farlo ancora una volta, e ancora una volta strappato. E’ stato divertente!

Tu e Guri avete provato a lavorare insieme per adottare l’accento Rumeno, oppure avete lavorato di più per cercare di rendere il clan molto unito?

Ci siamo entrambi seduti con Bill. Sono rimasto davvero impressionato perché Bill si è seduto a parlare con tutti i nuovi vampiri, inclusi i Rumeni, e ci ha praticamente chiesto quali fossero le nostre idee e i nostri pensieri riguardo ai personaggi. Avere quell’accento era una cosa molto interessante ed unica che volevamo entrambi. Abbiamo avuto un insegnante che ci aiutava con l’accento – non un accento rumeno moderno perché loro sono molto vecchi, è stata una sorta di mix tra l’accento rumeno antico e i dialetti dei paesi circostanti la Romania perché entrambi hanno viaggiato molto e abbiamo voluto aggiungere questo dettaglio. Così abbiamo creato un nostro dialetto. Questa è stata una delle cose più belle del personaggio, una cosa che mi ha fatto davvero entrare nella parte. Ne sono davvero soddisfatto.

Quando hai saputo di aver ottenuto il ruolo, eri più emozionato all’idea di dover lavorare con chi?

Bè, in realtà sono da molto tempo un fan di Bill Condon. Ma la cosa davvero interessante di questi film è che conosci davvero tutti. Come Peter Facinelli – nel suo Nurse Jackie è strepitoso. Ci sono molti di loro, come il fatto che Kristen lavora in questo campo da diverso tempo. Ed è stata fantastica in ogni cosa che ha fatto, quindi è bello lavorare con persone che hanno già molta esperienza, è un’opportunità di imparare molto.

Marlane [Barnes, in una precedente intervista] ci ha detto che è rimasta molto colpita dalle tue doti nella danza per il flash mob che avete organizzato. Puoi raccontarci la tua esperienza di quel giorno?

E’ stato organizzato da qualcuno dei vampiri nuovi e Toni Trucks ci ha prelevati e portati in una stanza dove c’era un piccolo stereo che suonava questa canzone, e ci hanno insegnato i passi. Abbiamo provato per un po’ finchè non eravamo pronti, e abbiamo cercato di tenerlo nascosto alle persone che avrebbero dovuto esserne sorprese.

Abbiamo sentito che ti muovevi bene.

Sono felice che qualcuno la pensi così!

Hai mai parlato con Stephenie del tuo personaggio?

Non molto in realtà. Ho parlato con lei di alcune cose riguardo alla storia, ma in realtà ci è stata data la Guida Ufficiale Illustrata che era uscita qualche tempo prima. Ma no, Stephenie ed io abbiamo parlato – uno dei nostri autori preferiti è Orson Scott Card ed è di questo che abbiamo parlato a lungo. Credo che la Summit stia per realizzare la versione cinematografica di uno dei suoi libri. Si chiama Ender’s Game, ed è uno dei miei libri preferiti di sempre, e anche di Stephenie. Abbiamo parlato molto di consigli letterari. Infatti mi deve ancora dare una lista di libri che dovrei leggere.

Stai provando anche ad avere una parte in Ender’s Game?

No, sono troppo vecchio per quello, credo. Ma ne sono davvero ammaliato. Sarà grandioso. E’ un’ottima storia, non vedo l’ora di vedere il film.

Traduzione a cura di GaiaB86 e Chiara.

Fonte: Team Twilight

set 132012

PhotobucketIeri vi abbiamo regalato qui la prima parte di questo interessante domanda/risposta che i fansites americani hanno avuto l’opportunità di realizzare con il regista degli ultimi due capitoli della Saga Bill Condon ed oggi concludiamo questo viaggio con l’ultima parte interamente tradotta per voi.

Becca: Quindi Stephenie prende un grosso pezzo di questo libro e lo mette sotto il punto di vista di Jacob.

Bill: Beh, nell’altro film, in questo non molto.

Becca: Nella parte 1, ok.

Bill: E’ stato interessante entrare nel mondo dei lupi e il resto, ma è Bella. E’ tutto su Bella.

Kallie: Una delle scene che abbiamo visto, no era una delle stills che abbiamo visto, sembrava che Renesmee stesse comunicando, la prima cosa che è girata su Twitter è stata ‘Cosa pensate che stia succedendo, sarà come con i lupi? Sarà differente? Ci avete mai pensato, sono sicura che ci avete pensato, ma è chiaro nella vostra testa come volete vederlo?

Bill: Sì, e non è come con i lupi. [Bill si asciuga la fronte per il sollievo e tutti ridono]

Kallie: Non ero sicura che sarei riuscita ad avere questa risposta, sono contenta. Fantastico.

Bill: E’ assolutamente una cosa personale. Sai che è divertente, perché dobbiamo, ora c’è questo potere completamente differente e un modo totalmente diverso di comunicare. E questo significa che abbiamo duvuto usare un approccio visivo differente.

Nikki: Quanto ti interessi alle critiche dei fans e della gente? Voglio dire, sembra che con una serie così popolare, forse si potrebbe fare il film in modo democratico?

Bill: Un po’. Penso sia molto vero. Penso che si parta dallo script a considerare le cose preferite, quelle con cui ci si sente più a proprio agio, visualizzandole in modo diverso, e poi ovviamente io ho letto tutto quello che è stato scritto, tutte le cose belle e brutte. Quindi sono molto, molto attento a questo.

Laura: Riprendendo quello che ha detto Nikki, il fandom, ci sono assolutamente alcune delle scene preferite dei fans che possiamo vedere nel film, attraverso le stills ecc…, guardando il trailer, ce ne sono due che sono in cima ai miei pensieri. La scena del braccio di ferro, non so dirti quanta gente sia eccitata per la scena del braccio di ferro. Voglio dire credo di non aver mai ottenuto così tanti retweet sul braccio di ferro in tutta la mia vita. Poi l’inclusione di Garrett, il personaggio, il suo discorso e quello che fa, sai che ci sono state altre scene amate dai fans che sono state tagliate nel primo, tipo la cosa della ciotola del cane. E’ difficile per te decidere che cosa resta e cosa invece viene tagliato? O l’humor a volte, è stato più facile mettere un po’ di humor in questo rispetto al precedente?

Bill: Credo di sì. E’ vero. Credo che la ciotola del cane sia un valido esempio di questo. Stiamo cercando di farla entrare nella versione lunga, sai, del film unico. E’ tutto diverso, ho pensato che in quel caso era importante rimanere con Bella. Di nuovo, è tutto così, ma ora stiamo cercando di trovargli uno spazio in un film con un ritmo diverso. Ma qui, devo dire, lasciami pensare, ci sono una o due cose come quella che abbiamo girato ma non abbiamo messo nel film. Non di più che nel primo. Spero che non vi mancheranno troppo.

set 122012

Photobucket

Oggi vi proponiamo un interessantissimo domanda/risposta che i fansites dedicati a Twilight hanno avuto l’opportunità di realizzare con il regista di Breaking Dawn Bill Condon ed altri membri dello staff tecnico. Noi lo abbiamo interamente tradotto per voi! BUONA LETTURA!!!!!!!!!!

Dopo aver visto lo stesso materiale che i fans hanno potuto ammirare al Con 3 settimane dopo, Bill Condon parla alla stanza piena di rappresentanti di alcuni fansites.

Bill: Volete prima parlare o vederne un’altra o cosa dobbiamo fare?

Jack Pan: Ragazzi volete vedere la seconda clip?

(Risate, ognuno inizia a fare sì con la testa)

Laura (Lex): Oppure puoi mettere su tutto il film, staremmo tutti buoni con il film su, sai (tutti ridono)

(Poi ci fanno vedere una seconda clip con il braccio di ferro di Emmett e Bella)

Bill: Eccovi, probabilmente lontani dal vostro obiettivo.Quella roccia sembra vista dall’interno . (tutti ridono)…Sì, così state vedendo tutti i difetti . (Commenta così a proposito del CGI che è ancora alle fasi iniziali. Abbiamo visto la scena di lotta tra Bella e Emmett. In essa loro appoggiano le loro braccia su quella che dovrebbe essere una grossa pietra che assomiglia molto di più a schiuma perchè ci stanno ancora lavorando sopra. (In ciò che vediamo Kristen affronta anche quello che sembra un puma di cartone)

Jack Pan: Quindi ragazzi, magari velocemente presentate i vostri siti e possiamo iniziare il Q&A?

(Tutti assentono, alcuni dicono “sicuro”)

Kaleb: Io sono Kaleb Nation di TwilightGuy.com

Heidi: Io sono Heidi di Twilight Facebook

Lee: Lee di Twilight Moms

Kimmy: Io sono Kimmy di HisGoldenEyes.com

Michelle: Io sono Michelle di BellaandEdward.com

Laura: Laura di Twilight Lexicon

Kallie: Kallie di TwilightSeriesTheories.com

Sheila: Sheila di Team-Twilight.com

Elena: Elena di Twilightish

Becca: Nikki e Becca di Letters to Twilight

Erin: Erin di Twilightish

Andrew: Andrew di Twilight Source

Bill: (fa un gesto a Jack Morrissey) Jack del Team Jack

(Tutti ridono)

Jack: (rivolgendosi a Bill) Team Bill Condon

Bill: (guarda le persone alla sua sinistra) Ian Slater, Ginny Katz. Abbiamo editato il film inisieme. (Guarda in fondo alla stanza) e Greg Yolan… a capo di tutto il resto.

Jack M: Greg Yolan del Team Jack

(Tutti ridono)

Greg (saluta): Io sono Greg

Jack Pan: Quindi chi vuole iniziare? (Nessuno dice niente)…Sono tutti senza parole.

(Tutti ridono)

Jack: Non ho potuto seguire

(Tutti ridono ancora)

Laura (Lexicon): Non lo so, credo di potercela fare. Il teaser (il primo) è uscito oggi e penso che tutti noi lo abbiamo già visto 3 milioni di volte, non che ci sia qualcosa di sbagliato in questo. E una delle cose che mi è davvero piaciuta è che abbiamo visto degli scorci di punti di vista alternativi…

Bill: Giusto

Laura (Lexicon): Puoi parlarci un po’ di come lo avete fatto; magari è una collaborazione tra te, Melissa Rosenberg e Stephenie Meyer, di decidere quali sono i punti di vista alternativi, e quanto è stato divertente girare qualcosa che non c’è nei libri, qualcosa di diverso dal dire abbiamo viaggiato in qualche posto e siamo tornati. Quanto è stato divertente arrivare a questa dimensione?

ago 182012

PhotobucketNuovo consueto appuntamento settimanale con l’intervista che i fansites realizzano con un attore di Breaking Dawn 2. Questa volta tocca a Rami Malek, che interpreta il vampiro Benjamin.

Buona lettura!!!!!!!

Hai già visto qualche scena del film…e se sì cosa ne pensi degli effetti speciali?

“Bella domanda Ho avuto una sessione di ADR, sono sicuro che voi ragazzi avete familiarità con questi termini vero? (ADR è l’acronimo per Automated Dialog Replacement, “sostitizione del dialogo automatico”) così ho avuto modo di vedere alcuni degli effetti temporanei che non sono stati ancora finiti, ma per quanto mi riguarda sono stati buoni per me- in realtà sembravano molto brillanti e vivaci e sembravano molto reale- ero felice di vederli perché c’erano dei punti che mi preoccupavano, sono sempre interessato a guardare un film, quando qualcosa viene creato con l’ausilio del computer perché voglio vedere l’effetto finale e sono stato felice perché in realtà sembra proprio come sarebbe dovuto venire se lo avessimo fatto senza il computer. “

Stephenie ha recentemente rilasciato “The Twilight Saga: The Official Illustrated Guide” nella quale si parla molto della storia del clan Egiziano …ci sarà niente di tutta questa lotta con i Volturi?

“Beh dopo aver letto il romanzo sono giunto alla conclusione che ci sarebbe stato un sacco di lavoro da fare perché non si diceva poi così tanto nel romanzo-così mi sono venute in mente un sacco di idee ed anche ad Angela (Sarafyan) che interpreta Tia sle sono venute così le abbiamo condivise nel corso delle riprese, e quando ci siamo incontrati Stephenie è stata in grado di darci un retroscena reale concreto che non fosse lontano dalle cose che avevamo creato per conto nostro. E’ stata una sensazione molto speciale avere il riconoscimento di Stephenie che fossimo sulla strada giusta con quelle cose che ci siamo inventati nella nostra pazza immaginazione. “

Alcuni di noi hanno avuto l’opportunità di intervistare Bill Condon e quando abbiamo parlato con lui ha detto di aver discusso con te sullo sviluppo del tuo potere e che tu gli hai suggerito delle idee. Si può parlare di collaborazione con Bill Condon, sulla realizzazione dei tuoi poteri o semplicemente riguardo il tuo personaggio in generale?

“Non so se ti è stato detto da qualcun’altro, ma quando ho incontrato Bill ci ha permesso di parlare con lui per un grande periodo di tempo, cosa che non è sempre possibile con altri registi, quindi abbiamo potuto parlare del personaggio faccia a faccia per un bel po’, ci sembrava davvero uno sforzo collaborativo- lui si sentiva come se si potesse fidare di noi e noi di lui e sapevo di essere nelle mani di uno dei migliori, poi una volta che eravamo sul set, siamo giunti alla conclusione che Benjamin avrebbe usato i suoi poteri, che ci sarebbe stato un vero movimento fisico rispetto ad esempio al modo in cui Dakota (Jane) potrebbe usare i suoi poteri per esempio. Abbiamo provato un certo numero di diversi movimenti fisici e abbiamo iniziato a farci un’idea di quelli che andavano bene. Ho sempre cercato di dargli diverse opzioni in modo che sarebbe stato in grado di utilizzare quello che voleva e credo fosse felice. “

Abbiamo visto nel trailer l’effetto sull’acqua- vedremo Benjamin utilizzare tutti i suoi poteri nel film?

“Questo resta da vedere, so che abbiamo girato un bel po’ di roba con diversi poteri, quindi non so cosa ci sarà nel taglio finale ma credo che ci saranno alcune sorprese in serbo per quanto riguarda gli elementi di manipolazione. Almeno spero che ci siano! “

Rami hai un sacco di altri progetti interessanti in corso uno dei quali è The Master- hai già fatto la tua parte e e se sì come è stato per te?

“Direi che The Master è stata una delle cose che mi hanno ispirato di più nella mia carriera – Sono molto fortunato ad avere il privilegio di lavorare con registi come Bill Condon e Paul Thomas Anderson che credo sia uno dei maggiori filmmakers del nostro tempo. E lavorare con Joaquin Phoenix e al fianco di Philip Seymour Hoffman ed Amy Adams mi fa sentire un privilegiato. Sono onorato e grato di tutto questo – per un attore è una cosa davvero speciale lavorare con persone all’apice della loro carriera – credo che sarà davvero un film strepitoso.
Grazie per avermelo chiesto – e sapete cos’altro rispetto dei websites che conosco, che le persone mi avvisano quando altre persone postano foto degli altri progetti a cui stiamo lavorando – e vedere che c’è questo interesse è davvero strepitoso – una volta che si entra in un film di Twilight sembra che tutti si interessino a te quindi grazie davvero ragazzi per questo, lo apprezzo moltissimo, e un enorme ringraziamento ai fans che hanno seguito anche tutto il resto”.

Parlando di fans – c’è qualcosa di cui sei ammiratore o con cui sei ossessionato ora? TV, film, musica o che altro?

“Lasciatemi pensare per vedere cosa mi metterebbe o no nei guai…Cosa mi piace? Dovete darmi un secondo – sto cercando di essere un po’ creativo e di non dare una risposta scontata.”

C’è qualche artista che hai scoperto grazie alla soundtrack di Twilight e che ti piace ora?

“Mi piace molto la soundtrack di Twilight – la passano ogni secondo su KTRW – che è una stazione radio di Los Angeles – mi sono sempre piaciuti gli Iron and Wine – sono cresciuto a Los Angeles ma per qualche ragione sono sempre stato attratto dalla musica blues folk, quel genere di cosa che ti entra nel cuore – sono il classico ragazzo che potrebbe ascoltare sempre la stessa musica – e mi emoziona, moltissimo. Mi piace Johnny Flynn, è un giovane britannico con una grande sensibilità folk. Mi piace anche scoprire nuove forme d’arte, non voglio sembrare goffo, ma mi piace andare agli show d’arte. In TV ho appena iniziato a guardare “Breaking Bad” e ho seri problemi a staccarmene ora – con quella colonna sonora triste che per assurdo mi rende allegro – per quanto assurdo e sadico possa risultare – la musica triste mi rallegra.”

Sei stato scelto piuttosto in fretta per la saga…molte persone erano molto contente perchè ci ricordi Ahkmenrah- ci puoi dire se ci sono punti in comune tra quel personaggio e Benjamin?

“Bè non condividono lo stesso colore di occhio e questo è un punto a favore – nei libri di Stephenie viene detto che il clan Egizio è caratterizzato da un pallore olivastro quindi è stato bello non dover mettere troppo trucco bianco che tutti gli altri invece avevano – non è piacevole e non credo che nessuno sia stato reso più bello di quanto non lo fosse già di suo. Ho amato entrambe le esperienze ma sono in effetti due persone totalmente diverse, sono sì entrambi Egiziani ma…ho dovuto adottare un accento inglese in Una notte al museo e invece qui non è servito – inoltre vengono da due mondi davvero diversi ma se vogliamo trovare un punto in comune sono entrambi molto vecchi quindi Ahkmenrah ha un’anima molto antica e così è anche Benjamin- potrei metterla così”

Quali sono stati alcuni dei tuoi momenti preferiti durante le riprese? Vuoi parlare della fine in cui c’è stata una scena di ballo?

“Sì io non sono un ottimo ballerino – quindi non posso classificarlo come uno dei miei momenti preferiti ma è stato divertente vedere la faccia di Bill quando lo abbiamo sorpreso ballando – non so se posso parlarne in effetti. Momenti preferiti direi incontrare molti nuovi colleghi del cast nuovo e vecchio e stringere delle belle amicizie. Andrò a vedere uno di loro tra poco, sto guidando giusto per incontrarlo – ma non vi dirò chi. Ho stretto splendidi rapporti e non succede spesso con il lavoro di mezzo. Non dico che sia successo con tutti, ma con molti ci sentiamo e ci vediamo spesso.”

Traduzione a cura di Chiara e GaiaB86.

Fonte: Twilight Moms

ago 112012

Nuovo capitolo della serie di interviste realizzate dai fansites americani agli attori di Breaking Dawn Parte 2.

Oggi è la volta di Tracey Heggins che interpreta l’amazzone Senna:

Tracey: Ciao! Come state ragazzi?

Bene!

Tracey: Sono felice di parlare ocn voi ragazzi!

Q: Abbiamo appena visto i poster di te e Zafrina.  Gli altri attori ci hanno raccontato quali sono stati i loro primi pensieri quando si sono visti.  Qual’è stata la tua prima reazione quando hai visto i capelli, il trucco, i vestiti e gli occhi?

Tracey: Roar! (suono)  E’ esattamente quello che ho pensato! Whoa!  Ha un che di terroso e sexy, quindi mi èpiaciuto. E’ molto eccitante!

Q: Parlando del tuo aspetto… Il tuo abbigliamento è molto succinto nel film.  Mi stavo chiedendo se ti sei dovuta mettere a dieta o se hai dovuto fare ginnastica. Qual’è stato il tuo regime?

Tracey: Yeah!  Ho dovuto fare ginnastica.  Sono una ragazza hippy… Ho fianchi e curve. Letteralmente, quando ho fatto la prova costume, avevo un King Size Snicker nella mia borsa. Quando ho visto l’abbigliamento, uscendo l’ho buttato nella spazzatura.

(Ride)

Ero tipo, oh, no, no, no, no!  Ma si, faccio molto yoga. E sul set era molto facile essere disciplinati perchè Kellan Lutz faceva ginnastica tutto il giorno, e gli altri stavano lottando per andare in palestra prima delle riprese. Quindi, sai, c’era molto cameratismo in palestra perchè eravamo tutti di fronte alla telecamera.

Q: Eri una grande fan dei libri e dei film prima di fare il casting.  Quando sei stata scelta qual’è stata la prima persona a cui l’hai detto quando hai potuto rivelarlo?

Tracey: Oh!  Mia sorella!  Mia sorella è la mia migliore amica. Mi ha fatto letteralmente esplodere la testa perchè sono una fan di sic-fi e fantasy. E sono innamorata dell’amore.  Stephenie ha davvero catturato il primo amore, quella prima passione. Quindi è stato un onore, stavo saltando dalla gioia e urlando!  E mia sorella mi stava guardando e mi ha chiesto, “Perchè diavolo stai urlando?”  E io tipo, “Ho avuto il lavoro, è un’opportunità favolosa!”

Q: Mackenzie e Judi mi hanno parlato molto del lavoro con te, ma non ho sentito te parlare del lavoro con loro. Può parlare un pò del vostro rapporto fuori e dentro il set?

Tracey: Wow!  Sono entrambe le mie ragazze!  Ti dico… che Mackenzie è qualcosa di bello e speciale! Mi ha fatto da studente prova per i miei libri per bambini.  Io leggevo per lei e lei mi faceva i suoi appunti. Arrivava sul set con i disegni dei miei perdonaggi, il che era meraviglioso. E’ semplicemente un’anima dolce ed onesta, è una bambina molto carina. Facevamo passeggiate guardando le anatre e simili, siamo davvero diventate amiche, beh, ho il cuore della sua età!  Quindi cosa posso dire? Non è uno sforzo per me, penso di essere ancora una ragazzina.  Poi, Judi, non posso fare shopping con le i perchè ci piacciono le stesse cose, e se ho un quarto di dollaro nella mia borsa andiamo al centro commerciale a capire come spenderlo. Judi è la migliore compagna di shopping di sempre!  Le piacciono le cose funky. Sebbene siamo molto differenti, ci assomigliamo motlo. Tipo, per esempio, a lei piacciono le cose rock e a me quelle classiche.  Ma per qualche ragione, finiamo con il comprare le stesse cose indossandole in modi diversi. E’ stata davvero una benedizione.

Q:Mi stavo chiedendo se mentre ti stavi preparando hai avuto modo di parlare con Stephenie dei personaggi,o se c’è stata una specie di discussione su come lei li vedeva e come voi li stavate interpretando

Tracey: Si, si!  E’ stato fantastico! Molto, molto emozionante! E’ stata sul set tutto il tempo che abbiamo girato ed era così disponibile e gentile. Quindi se avevamo qualsiasi tipo di domanda lei era aperta nel rispondere.  Le abbiamo chiesto, “Cosa pensi che dovremmo fare qui?” E lei era molto ricettiva. E’ stata davvero una benedizione.  Voglio dire, ero in soggezione! Adoro Stephenie Meyer… ho letto The Host,e tutto. All’inizio ero senza parole, e poi, lei è così affettuosa e gentile, che non puoi fare altro che riingraziarla!

Q: Quindi hai vissuto un pò del fenomeno Twilight alla premiere di Breaking Dawn Part 1 Premiere e al Comic Con quest’anno. Come stai vivendo la cosae cosa ti aspetti davvero quando il film uscirà nei cinema?

Tracey: I fan di Twilight, in particolare, sono talmente gentili e l’accoglienza è stata così calda. Quindi sto solo cavalcando l’onda. E’ un bel posto come attore. Non sarei potuta essere più fortunata a fare questo e sono i fans che ci supportano. Non ho visto il film, quindi sono curiosa. Non so cosa aspettarmi. So solo che è stata una benedizione per me poter lavorare al progetto. Ho incontrato tanti amici, come Mackenzie e Judi. Lavorare con loro, Toni Trucks, Valerie, tutti, Erik, Noel Fisher. Ho incontrato così tante persone, quindi speriamo che grazie a questo, io possa mantenere le mie amicizie.

Q: Il tuo personaggio in realtà non ha un potere speciale nel film, ma se potessi scegliere un potere per il tuo personaggio quale vorresti che fosse?

Tracey: Oh tagazzi! Questa è una bella domanda! Voglio dire sono tutti così impressionante! Che potere speciale? Voglio dire … Credo che le sarebbe piaciuto avere uno scudo, ma poi … Ahhhhh! Oh perbacco! Voglio dire ce ne sono così tanti che mi piacerebbe averne un pezzo di tutti loro. Um, fammi vedere che potere potrei volere? Credo quello di fulminare le persone! Voglio dire, il mio personaggio è una combattente, e credo sarebbe stato perfetto per lei. (Ride) Credo che sarebbe adatto. Penso che sia così divertente, quindi vorrei quello.

Q: Se c’è stata una cosa che hai preferito di girare, c’è stato un momento in cui eri, tipo, ‘Wow!’?

Tracey: Sì! Il mio primo momento ‘Wow!’ è stato quando sul set, più o meno le scene in cui ci siamo tutti noi, erano nel trailer, quando abbiamo detto tutti che stavamo dalla parte dei Cullen. Solo guardare tutti in azione, ho pensato che è stato un buon momento. Perché, era una cosa … non voglio usare una parola non opportuna, ma penso solo che fosse uno di quei momenti surreali per me. Guardarsi intorno e guardare tutti gli altri e dire che volevamo aiutare i Cullen, è stato un grande momento per me. Ho pensato che fosse fantastico.

Q: Guardando il vostro costume, penso che tu e Judi abbiate entrambe un costume, come abbiamo già detto, un costume davvero striminzito, e tutti parlano sempre del fatto che i lupi possano aver freddo con non molti vestiti indosso. Penso che voi siate le prime ragazze esposte al freddo. Come avete fatto?

Tracey: Oh Wow! Ci hanno dato dei riscaldatori e tutto quel genere di cose. Avevamo degli scalda-piedi addosso. Eravamo nel profondo Canada, e quando uscivamo, il freddo non ci colpiva. Ma penso che fossimo così pieni di adrenalina per il fatto di essere sul set, sul set di un film di Twilight che non ci ha abbbiamo fatto molto caso. Ci siamo spostati così tanto che penso stessimo buttando fuori l’adrenalina, ma poi non appena finisce il giorno ti rendi conto che è un po’ freddo … Con i nostri abiti succinti. Tutti mi sentiivano da lontano quando arrivavo giù per il corridoio perché avevo addosso delle conchiglie e mi si sentiva, tipo, “clack, clack, clack”. I primi due giorni stavo impazzendo, ma poi me ne sono dimenticata.

Q: Ti sei portata via qualcosa dal set, del tuo costume o altro?

Tracey: Ci ho provato, ma no! Controllavano sempre la mia borsa all’uscita! No, credo fosse perché non si sa mai se sono necessarie delle nuove riprese, e quindi va preservato tutto per ogni evenienza.

Q: Abbiamo visto nei poster promozionali il trucco intorno agli occhi, ma nel film non lo vediamo. Sarà una cosa che potremo ammirare anche nel film, o si tratta solo di uno scatto promozionale?

Tracey: No! Lo vedrete anche nel film, non voglio spoilerarvi nulla, ma lo vedrete! Vedrete il nostro make up… il nostro trucco speciale!

Hmmmmm…

Tracey: E’ stato divertente! In un primo momento, quando me lo hanno messo addosso, ero tipo, “Hey! Cosa stai facendo? Cosa dovrei sembrare??? “Ma dopo che lo avevo addosso, erano tipo,” Wow! Questo è super cool! ” Tutto abbinato con le lenti a contatto ed i capelli, perché, come potete vedere ho i capelli molto corti. Tutto, è stato così divertente, come una benedizione … non mi posso lamentare! E’ stato super divertente, vedere mentre stanno sperimentando il trucco e tu sembri feroce. E’ stato semplicemente fantastico, anche giocare con il trucco, sono una ragazza!

Q: Nei libri Senna non parla molto. Hai qualche battuta nel film?

Tracey: Sì! Nel trailer, ho una piccola battuta. In generale, sì. Senna è molto tranquilla, sapete, lei osserva. Lei è lì per proteggere Zafrina. Nel mio background, l’ultima volta che ha visto il mondo moderno, stavano distruggendo il suo villaggio. Quindi diciamo che lei sta più che altro ad osservare … E poi incontra i Cullen e non si può fare a meno di innamorarsi di loro. Ma sì, Senna cerca costantemente di capire quali sono le brave persone e quali quelle cattive? Come si sente? Non ha molto da dire, perché lei vuole davvero vedere cosa sta succedendo. Zafrina deve essere al sicuro, e ora questa bambina è al sicuro? Cosa succederà? Lei è molto feroce, ed è quasi come una leonessa. E’ materna e viscerale.

E’ tutto incentrato sulla sua forte presenza!

Tracey: Sì!

Traduzione a cura di Moki77 e Chiara.

Fonte: Twilight Series Theories

ago 042012

PhotobucketConsueto appuntamento settimanale con l’intervista realizzata dai fansite statunitensi ai membri del cast di Breaking Dawn. Oggi è la volta di Judi Shekoni, una delle splendide Amazzoni, Zafrina.

BUONA LETTURA!!!!!!!!

Ci puoi dire come ti sei sentita la prima volta che ti sei vista completamente calata nei panni della vampira?
Sì, la prima volta che mi sono vista è stato travolgente. Era tipo ipnotizzata e non riuscivo a smettere di guardarmi nello specchio. E’ stato travolgente. Non credo di essere mai stata in quella posizione in tutta la mia vita, dove ho avuto così tante persone così grandi in quello che fanno, tutti insieme e lavorare su questo progetto come un’unica entità. E’ stato davvero mozzafiato. Così come vedere le prove costume e quelle trucco unirsi, tutto il processo, è stato molto gratificante.

Vedremo qualche illusione di Zafrina in Breaking Dawn 2?
Non so se mi è permesso parlarne [ride] Voglio dire, lo sappiamo che il personaggio ha dei poteri speciali. Ma non so se posso parlarne onestamente. Mi dispiace.

Zafrina è molto feroce, fa paura, ma ha anche avuto modo di ammorbidirsi abbastanza da fare amicizia con questa piccola bambina. Come hai fatto a delineare il confine tra l’intensità che doveva avere ed anche la morbidezza?

Penso che la sua qualità più meravigliosa fosse quella animalesca. Volevo lavorare con quello che significava ed ho cercato un aspetto selvaggio. Ho lavorato con gli animali ed ho osservato il giaguaro nero, quel tipo di qualità. Poi per quanto riguarda Renesmee, ho pensato che le piace in un certo senso, genitoriale. Credo abbia provato una sorta di istinto materano, perché lo sapete che i vampiri non possono avere figli. Ho avuto la fortuna di avere quel tipo di rapporto con Renesmee, cosa che la maggior parte dei vampiri non ha. Penso anche che provenisse da una sorta di istinto di protezione. Sentivo che Zafrina lottava per la famiglia e che la cosa più importante per lei è la famiglia. Ecco perché voleva aiutare i Cullen. E ‘per questo che Senna è venuta con lei, perché la famiglia è la cosa più importante nella sua vita.

Come ti sei preparata per il ruolo di Zafrina, sia per la storia pregressa che fisicamente?

Ho fatto un sacco di cose diverse. Fisicamente, sono andata molto in palestra e mangiavo più proteine. Ho veramente messo su muscoli, sono diventata più forte. Ovviamente, ero aiutata dalla mia altezza, ho gli arti lunghi ed il viso sottile, molte delle caratteristiche che il personaggio di Bella menziona. Oltre a questo, ho guardato quasi ogni singolo film sui vampiri su cui ho potuto mettere le mani. Ho guardato tutti i film di Twilight. Ho avuto modo di leggere anche i libri. Quello che era meraviglioso era che tutti i libri erano già nella mia libreria. Come se fosse scritto che dovevo essere una vampira. Mi è venuta l’idea che i vampiri hanno circa il 25% in più di tutto. Hanno il 25% in più di capelli, il 25% in più di ciglia. Ogni cosa su di loro è un po’ più che umana. Ho lavorato molto su questo aspetto. Ho pensato che potessi sentire tutto di più. Quasi come si potessi sentire di più il vento ed i suoni.

Era una fans ancora prima di iniziare. Con chi eri più curiosa di lavorare?

Sono stato davvero entusiasta di lavorare con tutto il cast perché avevo visto i film prima. Inoltre, ero davvero entusiasta di lavorare con Kristen [Stewart], Bella. Perché quando si leggono i libri, sono dal punto di vista di Bella. Mi sentivo quasi come se mi fossi lasciata guidare da Bella e avessimo fatto un po’ quel viaggio insieme. E’ stato così bello incontrare Kristen e fare delle scene con Bella. Del personaggio di Zafrina mi piace anche il fatto che abbia un reale collegamento stretto con il personaggio di Bella. Penso che Kristen sia meravigliosa. E’ come una bambolina. Sembra estremamente generosa e molto intelligente. Penso che i personaggi di Bella e Zafrina abbiano un rapporto interessante, perché bella è la madre di Renesmee. Quando un’altra donna entra e ha un rapporto con tua figlia, si crea sempre qualcosa di strano tra la madre e l’altra donna. Mi sentivo come se il mio personaggio avesse pure un rapporto speciale con Bella.

Molti dei vampiri del libro non sono stati tagliati ma sappiamo che nel libro c’è una terza vampira Amazzone, Kachiri. Cosa le è successo?

L’ho mangiata. [ride] Penso che, ovviamente, quando si passa da un libro a un film, ci sono alcune cose che vanno e certe cose che vengono, e penso che abbiano voluto a concentrarsi su pochi vampiri. Non credo che il personaggio di Kachiri fosse così forte nel libro. Quando è successo, io e Tracey [Heggins] abbiamo avuto una coversazione al riguardo. Abbiamo solo cercato di fare in modo di comprendere quante più qualità possibili del clan delle Amazzoni. Quindi tutto ciò che non può essere nel film che era nel libro, in qualche modo lo mettiamo comunque in Breaking Dawn Parte 2, utilizzando l’energia per cercare di avere un po’ di queste caratteristiche. Quindi, sì lei non c’è affatto. [ride]

Hai parlato di preparare il lato emotivo del personaggio e quello che hai fatto per allenarti. Come ti sei preparata per i movimenti animaleschi che il tuo personaggio ha di diverso rispettoi agli altri vampiri?

Sono andata allo zoo di Londra molto presto e mi sono incontrata con Tracey [Heggins]. Perché avevamo l’idea che loro [Senna e Zafrina] avessero queste qualità animalesche. Siamo effettivamente andate allo zoo di Los Angeles insieme prima di iniziare le riprese. Abbiamo guardato tutti gli animali e abbiamo deciso quale animale scegliere da cui tratte il nostro movimento. Abbiamo deciso il giaguaro nero, perché ci ne sono un sacco in Amazzonia e hanno questi begli occhi luminosi che sono molto simili agli occhi dei vampiri. In sostanza, hanno un sacco di potenza e un sacco di energia nelle loro spalle. Hanno questa grazia, ed un silenzio che è molto vampirico. Abbiamo cercato di trovare degli elementi da inserire, abbiamo fatto un paio di lezioni di danza insieme, io e Tracey. Così abbiamo trovato un modo di muoverci insieme, allo stesso tipo di ritmo. In realtà, è abbastanza divertente sul set, Stephenie Meyer è venuto da noi a un certo punto e ha detto di aver notato che i nostri vampiri erano molto diversi dagli altri. Lei ci ha davvero notato e ho pensato fosse una cosa pure. Deve essere stato un successo per essere notati da Stephenie.

Come fan dei libri ovviamente ti sarai emozionata quando sei stata scelta per il cast, ma immagino non fossi autorizzata a dirlo a nessuno. Quando finalmente hai potuto a chi lo hai detto per prima?

Mi ricordo! Ero in crociera in vacanza con la mia amica Jenny. Mi annoiavo, bloccato su questa nave e stava leggendo Twilight. Mi ha dato il libro. Mi ricordo che ho iniziato a leggerlo pensando che si trattava solo di ‘una storia di una ragazza di 16 anni’. Poi, dopo le prime pagine sono stata completamente presa. Lei ha comprato i biglietti in anticipo per il primo film. Abbiamo parlato del casting. E’ stato così meraviglioso e lei è stata la prima persona che ho chiamato. Le dissi: “Sarò Zafrina,” e lei non riusciva a crederci. Lei era lì quando è cominciato tutto. Era così fantastico, perché ero in grado di offrirle i biglietti per la premiere. Le ho chiesto di essere alla mia premiere. Alla prossima ci sarà. Lei era lì all’inizio. Mi ha dato il primo libro e lei sarà lì alla prima quando sarò per la prima volta nel mio personaggio.

C’è stata una scena che ti è piaciuta particolarmente?

Mi piace davvero la scena che avete visto con il fuoco, quella del falò. Per molti di noi era la nostra prima volta sul set. Mi ricordo che ero completamente nervosa. Era la prima volta che avevamo modo di vedere l’uno nell’altro calare nel personaggio. Era la prima volta io e Tracey dovevamo scegliere il tipo di movimento, quante volte dovevamo guardarci l’un l’altra. Per noi come unità di attori, è stata una delle prime volte per stare tutti insieme sul set. E’ stato molto panoramico, un’ esperienza molto bella. Magica.

Fonte: Breaking Dawn Movie

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.